enit
in evidenza
Home » FESTE DELL'ANNO » Capodanno » Poesie e filastrocche: Capodanno

Poesie e filastrocche: Capodanno

Tutte le opere contenute in questa raccolta restano di proprietà dei rispettivi autori o degli aventi diritto. Il proprietario di questo blog non intende in alcun modo violare il copyright o farle passare come proprie opere. La pubblicazione ha scopo unicamente didattico e non verrà effettuata nessuna operazione di vendita o di tipo editoriale.

Capodanno
Filastrocca di Capodanno
fanno gli auguri per tutto l’anno:
voglio un gennaio col sole d’aprile,
un luglio fresco, un marzo gentile,
voglio un giorno senza sera,
voglio un mare senza bufera,
voglio un pane sempre fresco,
sul cipresso il fiore di pesco,
che siano amici il gatto e il cane,
che diano latte le fontane.
Se voglio troppo non darmi niente,
dammi una faccia allegra solamente. (G. Rodari)

L’anno nuovo
Indovinami, indovino
tu che leggi nel destino:
l’anno nuovo come sarà?
Bello, brutto, o metà e metà?
“Trovo stampato nei miei libroni
che avrà certo quattro stagioni,
dodici mesi, ciascuno al suo posto,
un carnevale e un ferragosto,
e il giorno dopo del lunedì
sarà sempre un martedì.
Di più per ora scritto non trovo
nel destino dell’anno nuovo:
per il resto anche quest’anno
sarà come gli uomini lo faranno”. (Gianni Rodari)

L’anno nuovo
Con il tren di mezzanotte
puntualissimo, in orario,
ecco il nuovo calendario.
E’ arrivato un treno merci
con un solo passeggero
piccolissimo, ma fiero.
Tra gli evviva dei ragazzi
l’anno nuovo mostra, gaio,
il duo grande bagagliaio,
pien di gioia e di dolori,
di successi, ed amarezze.
Su, ragazzi, son per voi,
queste merci, e si vedrà
chi ben scegliere saprà. (E. Zedda)

Calendario nuovo
Nel chiudo tuo blocco trecento
sessanta più cinque foglietti:
un libro che sfogliasi lento
nel volger di un anno.
Puoi dire che cosa ci aspetti
nei dì che verranno?
Ignoro se belli o se brutti
ma so che dipende dall’uomo
di far che ogni giorno sia buono. (A. Fucili)

Anno nuovo
Anno nuovo! Ed ogni anno una promessa
una promessa che per via si perde,
e che ogni anno, purtroppo, è ancor la stessa.
Si promette, si tenta… Ed io non so,
non so capir perchè crescan le gambe
ed il giudizio dei bambino no!
Ma questa volta, per quest’anno nuovo
quello che si promette si farà:
a cominciar da oggi mi ci provo,
mamma, e il tuo bimbo ci riuscirà. (Zietta Liù)

Anno nuovo
Anno nuovo anno nuovo,
qui alla porta già ti trovo
rechi forse nel cestello
un impulso buono e bello?
Porti agli uomini l’amore,
che riscaldi a tutti il cuore?
Anno nuovo non scordare
la salute nel tuo andare
e la pace porta teco
che nel mondo abbia un’eco
veglia sempre sui miei cari,
serba loro doni rari
ed a me concedi, senti,
di poter farli contenti
Se benigno il volto avrai,
benedetto tu sarai.

Buon Capodanno!
Buon Capodanno! S’alza il sipario…
via il primo foglio del calendario!
Sui suoi foglietti scritto che hai,
anno che sorgi? Letizia e guai,
giornate bianche, giornate nere?
No, i tuoi segreti non vo’ sapere;
sopra ogni pagina che Iddio mi dona
io voglio scrivere: “Giornata buona”. (L.Schwarz)

Auguri per il nuovo anno
O mamma e papà,
vi porti il nuov’anno
salute e tesori
senz’ombra d’affanno;
vi porti le gioie
più pure e serene!
Centuplichi il bene
che fate per me! (G. Soli)

Capodanno
Mezzanotte suonò sopra il villaggio
nella placida piazza solitaria:
le ore sobbalzarono nell’aria
per la tacita notte senza raggio;
recava da lontano intanto il vento
come un tintinno garrulo d’argento,
e pel villaggio solitario errare
un trotto di cavalli si sentì.
La diligenza a dodici cavalli
arrivava con dodici signori,
e tutti, presto presto, venner fuori
con valige, con scatole, con scialli:
e il primo, un vecchio tremulo e bonario:
“Benissimo!” esclamò “siamo in orario!” (Andersen)

Lunario
Cos’è mai un anno? Un mazzolino
di giorni: qualche fiore e qualche spino,
fiori di campo, spini della siepe;
è il viaggio da un presepe ad un presepe;
un volgere di lune in grembo a Dio;
un dolce ritrovarsi e dirsi addio;
una nube che passa, il sol che torna;
pan seminato e pane che si sforna;
dodici mesi tra bagnati e asciutti;
quattro stagioni cariche di frutti.
Su ogni giorno stende il suo sorriso
un santo che vien giù dal Paradiso.
Così è fatto, mutevole, il lunario
e l’anno nuovo l’ha per sillabario
e si legge ogni dì fra stella e stella
che per chi ama, la vita è bella. (R. Pezzani)

Anno nuovo
Salutiamo riverenti il vecchio anno
che se ne va col greve suo fardello
e fidando muoviamo incontro al nuovo
uscente dal mistero tutto bello.
Porta al mondo, che tiepido t’aspetta,
doni d’amore, di pace, di armonia.
E così sia. (E. Minoia)

Felice nuovo anno
Nella notte di magia
l’anno vecchio scappa via
non sei neppure addormentato
che uno nuovo è già arrivato
bello, ricco di giornate,
sia d’inverno, che d’estate.
Anno allegro e fortunato
sia quest’anno appena nato!

Anno nuovo
Ho incontrato per la via
un vecchietto tutto bianco
camminava curvo e stanco
pieno di malinconia.
Tristemente ha mormorato
“Sono l’anno che è passato”.
Saltellando poi veniva
un allegro fanciullino
e rideva birichino
dietro l’anno che finiva;
pien di gioia mi ha cantato
“Sono l’anno appena nato”.

Anno vecchio ed anno nuovo
Tin tin l’orologio rintocca
tin tin quanti colpi ha suonato?
Tin tin qual è l’ora che scocca?
Tin tin qualcheduno ha bussato!
Anno vecchio, tin tin, ti saluto!
Anno nuovo, tin tin, benvenuto!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>