in evidenza
Home » FESTE DELL'ANNO » Epifania » Poesie e filastrocche: Epifania

Poesie e filastrocche: Epifania

Poesie per bambini e filastrocche sul tema epifania, befana e re magi; una collezione di autori vari, adatta a bambini della scuola d’infanzia e primaria.

La Befana spaziale
Su quel pianeta la Befana
viaggia a cavallo di un razo
a diciassette stadi,
e in ogni stadio c’è un bell’armadio
zeppo di doni
e un robot elettronico
con gli indirizzi dei bambini buoni.
Anzi con gli indirizzi
di tutti i bambini, perchè
ormi s’è capito
che di proprio cattivi non ce n’è. (G. Rodari)

La befana
La befana vien pianino
cala giù per il camino,
porta ai bimbi che son buoni
tante chicche, tanti doni.
Ma se buoni non sarete,
nella calza troverete,
come chicchi, come doni,
aglio, cenere e carboni. (M. Maltoni)

I Re Magi
Tre Re Magi da lontano
son venuti piano piano
per veder Gesù bambino.
Una stella fra il turchino
li ha guidati col suo raggio,
li ha guidati col suo lume.
Gesù dorme e non ha piume,
non ha fuoco, non ha fiamma,
ha soltanto la sua mamma… (L. Nason)

I Re Magi
La notte è tiepida e serena.
I Magi d’Oriente vanno, vanno
sui lor cammelli, e ancor non sanno
dove sia nato al mondo il Re dei Re.
Dice il moro:
“Io gli porto l’oro”.
L’altro gli fa eco:
“L’incenso io reco”.
Dice il terzo prono:
“La mirra gli dono”. (M. Ronzoni)

I Re Magi
Lontano, tra il fischiare
del vento per le forre
i biondi angeli in coro:
ed ecco Baldassarre,
e Gaspare e Melchiorre
con mirra, incenso ed oro. (G. D’Annunzio)

Epifania
I Re Magi dall’Oriente
si son messi già in cammino,
per trovar Gesù bambino,
il figliolo di Maria.
Buon Natale!
Epifania! (Anonimo)

I tre santi re
I tre santi Re Magi d’Oriente
chiedevano sostando a ogni città:
“Oh bimbe, oh donne, ci sapreste dire
la strada per Betlemme dove va?”
Nè giovani nè vecchi lo sapevano
ed essi riprendevano il cammino
ma una cometa dalla chioma d’oro
or li guidava come un lumicino.
La stella sulla casa di Giuseppe
ristette e i santi tre Re Magi entrar;
muggiva il bove, gridava il bambino,
ed i Re Magi presero a cantar. (E. Heine)

La Befana
Discesi dal lettino
son là presso il camino,
grandi occhi estasiati,
i bimbi affaccendati
a metter la calzetta
che invita la vecchietta
a portar chicche e doni
per tutti i bimbi buoni.
Ognun chiudendo gli ochi,
sogna dolci e balocchi;
e Luca, il più piccino,
accosta il suo visino
alla grande vetrata
per veder la sfilata
dei Magi, su nel cielo,
nella notte di gelo.
Quelli passano intanto
nel lor gemmato manto,
e li guida una stella
nel cielo, la più bella.
Che visione incantata,
nella notte stellata! (G. Gozzano)

La Befana
Vien da lontano, per le vie nevose,
lascia giù, al cancello del giardino,
il somarello, e tra le sue calzette
una ne sceglie per ciascun bambino
e gliela porta: e sal dritta e sicura
per ogni stanza, sia pur chiusa e scura.
In ogni stanza di bambini buoni
entra pian piano, e il loro sonno spia:
e ai piedi del lettino lascia i suoi doni.
(P. Calamandrei)

La Befana
Quando è l’ora, la Befana
alla scopa salta in groppa
l’alza su la tramontana,
fra le nuvole galoppa.
Ogni bimbo nel suo letto,
fa l’esame di coscienza:
maledice il capriccetto,
benedice l’obbedienza.
La mattina, al primo raggio,
si precipita al camino:
un regalo ha il bimbo saggio,
il monello… ha un carboncino! (C. Rosselli)

continua nelle pagine seguenti (segui i numeri delle pagine):